In Senza categoria

È con la sfilata della collezione Louis Vuitton SS18 che si conclude a tutti gli effetti  la Paris Fashion Week di quest’anno.

Dopo Chanel e Miu Miu è la volta di Nicolas Ghesquière e delle sue proposte di prêt-à-porter.

Lo stilista torna di nuovo al Museo del Louvre, dove ha presentato anche la collezione Louis Vuitton SS18. A differenza della volta precedente, sceglie stavolta la cripta della sfinge, nell’Ala Sully (la Sully Wing).

Cala così la sua giovane donna in pieno Settecento. La giacca, sempre lunga oltre il ginocchio, cade morbida e si indossa aperta per mostrare la pancia. Spalle strette, la silhouette si allarga progressivamente verso pancia e fianchi.

Un tripudio di broccato, con ricami floreali, inserti d’argento o stampe dorate. Stemperate ora da short in seta color pastello ora da jeans bianchi o pantaloni a sigaretta nera.

Ai piedi rigorosamente sneakers, bianche, nere, argentate: affatto cheap, ma sempre comodissime.

Strepitose le borse. Queste vanno da una rivisitazione in chiave della Speedy a nuove declinazioni di Twist, fino a una Neverfull con motivo Monogram extralarge.

Ha fatto parlare molto di se anche la T-Shirt indossata in passerella con il logo della serie cult del momento Stranger Things by Netflix.

In un sottile – ma tutt’altro che precario – equilibrio tra passato e futuro, Nicolas Ghesquière sembra aver trovato la cifra stilistica d’eccellenza con cui rivisitare gli stilemi Louis Vuitton, rispettando la storia e forte di essa affrontare le strade cittadine di oggi.

Louis Vuitton SS18: le foto della sfilata

Louis Vuitton SS18: i dettagli

Leave a Comment